Abruzzo. Esplode fabbrica fuochi pirotecnici: 3 morti e 4 feriti. L’incidente a Tagliacozzo

Questo post è stato letto5712 volte!

Tagliacozzo (L’Aquila) 09 lug. ’14 – Un boato tremendo, una violenta deflagrazione e i fumi che all’improvviso hanno coperto il cielo: è accaduto a Tagliacozzo (L’Aquila) in località San Donato, dove una fabbrica di fuochi d’artificio, la Pirotecnica Paolelli, è saltata in aria. Sul posto sono intervenute diverse squadre dei vigili del fuoco e l’area è completamente inaccessibile ed è stata posta sotto sequestro. All’interno della struttura – ma è tutto ancora da verificare – c’erano diversi dipendenti: sono stati estratti due corpi carbonizzati, una terza vittima è stata individuata sotto cumuli di detriti. Due dei morti sono operai, mentre il terzo sarebbe un parente del titolare della polveriera.
Quattro i feriti, non in gravi condizioni, che sono stati tirati fuori da fuoco e macerie e sono stati trasportati, con l’elicottero del 118, all’ospedale di Avezzano (Aq). La deflagrazione è avvenuta poco prima delle 14 per cause da accertare: a quanto risulta, al momento dell’esplosione erano presenti complessivamente in nova, dentro e fuori la fabbrica. Due sono rimasti miracolosamente illesi. Nei centri limitrofi è saltata l’energia elettrica e numerose finestre sono andate in frantumi. L’esplosione ha inoltre provocato una densa colonna di fumo visibile anche a distanza di chilometri. Sul posto stanno lavorando diverse squadre di vigili del fuoco, partite anche dal comando provinciale dell’Aquila, insieme ad artificieri, a carabinieri e guardie forestali.

Secondo i primi testimoni quattro sarebbero state le esplosioni che si sono succedute nel giro di pochi minuti nella fabbrica di fuochi. Poi tante piccole deflagrazioni, tanto da costringere i vigili del fuoco a isolare il perimetro dell’incidente. Sul posto sono arrivati in tanti: sono accorsi anche i familiari dei lavoratori che non riescono ad avere notizie dei propri parenti.

La zona è stata dunque interdetta per motivi di sicurezza. Sul luogo è arrivato anche il sindaco di Tagliacozzo, Maurizio Di Marco Testa, che ha assistito alla seconda esplosione. Il primi resti di un uomo, completamente bruciato, sono stati ritrovati vicino alla casamatta scoppiata. Anche la salma da recuperare ancora sarebbe in quella zona. La Forestale ha fatto intervenire sul posto un mezzo aereo – un canadair – per gettare liquido per abbassare la temperatura ed impedire nuove esplosioni.
La deflagrazione della fabbrica ha innescato alcuni piccoli incendi anche in un bosco non distante. Alcuni testimoni che si trovavano all’interno delle abitazioni, hanno raccontato di aver avuto la sensazione che la zona fosse stata interessata da un forte terremoto. Nello stesso periodo, l’anno scorso, anche la ditta di Fuochi Pirotecnici Di Giacomo di Città Sant’Angelo (Pescara) esplose. E quattro furono le vittime.

di Piergiorgio Di Rocco. Hanno collaborato Coralba Giannico e Ilaria Spiga

Esplosione fabbrica fuochi pirotecnici a Tagliacozzo, nell’Aquilano

Questo post è stato letto5712 volte!

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo

Optimized by SEO Ultimate